Celeste

Intinge la superficie corporea fra le nuvole e il cielo regalando a noi comuni mortali una superficie azzurra come il mare che si pavoneggia sui fiori come  fossero il tappeto rosso di una mostra del cinema.

Una madame Butterfly.

Questa voce è stata pubblicata in fotografie 2012, Tema libero. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Celeste

  1. Monica scrive:

    Dal chiuso di un ufficio queste immagini sono un toccasana per la mente.

  2. Liz scrive:

    Si dice che il minimo battito d’ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano… ;-)

  3. Mi pare impossibile animalini così minuti riescano a scatenare le saette di Zeus con un battito d’ala, a meno che non sia allergico alla polverina delle loro ali e con uno starnuto dia il via a rovesci di pioggia e spostamenti d’aria.
    Può essere.

  4. filippo scrive:

    La citazione completa e precisa, del fisico Edward Lorenz e relativa pare al titolo di un suo seminario del 1972, e’ se puo’ il batter d’ali di una farfalla in Brasile provocare un tornado in Texas. Espressa in forma di domanda, la figura molto poetica serviva a illustrare le drammatiche conseguenze dell’allora nascente teoria del caos, ossia la fortissima dipendenza dalle condizioni iniziali dell’evoluzione di sistemi retti da dinamiche non lineari (cioe’ praticamente di qualsiasi cosa).
    Questi i poetici stupori dei fisici di quarant’anni fa. Nulla in confronto al prosaico disincanto di noi odierni che sappiamo bene poter le scurregge dei suini della val Padana influire a livello globale sull’effetto serra, su el Nino, sulla corrente del Golfo.

  5. an scrive:

    Immagini di una bellezza che ricarica l’anima.

  6. Liz scrive:

    Sì, un’incertezza anche minima nelle condizioni iniziali comporta un’incertezza enorme sullo stato finale (l’effetto farfalla)…E visto che il clima è un sistema complesso difficile da prevedere, l’esempio delle scorregge potrebbe essere benissimo la causa di tanti fenomeni atmosferici ;-) Certo che passare dalle belle farfalle a queste scorregge considerate da pochi anni (almeno così mi sembra) inquinanti…. Però mi viene un dubbio… se al posto di farli scaricare come madre natura ha stabilito facessero dei rutti?! Chissà che teoria viene fuori!!! :-)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>