Potare ulivi nel Chianti

Scale seghetto e forbici, oppure scale e forbici elettriche, ma il risultato non cambia.
Tanti rami di ulivo finiscono in terra per ridare forma all’albero e per alleggerirlo dei cappelli di legno vecchio che faranno solo frasca e poche ulive.
Di fronte all’infinita eleganza ed importanza di questa pianta nella storia dell’umanità come ci si possa avvicinare agli scaffali dei supermercati dove risiedono dei liquidi verdi a pochi euro per condire la farinata del pupo…. questo è un mistero.
L’assiduo vento ghiaccio avvolge in questi giorni le operazioni di potatura dona ancor di più una maggiore considerazione e rispetto del vero olio che esce dagli ulivi e dalla fatica ci sta dietro.

Questa voce è stata pubblicata in campino e olio, Chianti Storico, Federica, fotografie 2014, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Potare ulivi nel Chianti

  1. Ci scrive:

    Sono potati male questi olivi!!!! :-)

  2. Hai perfettamente ragione, stavo per dirlo anche io.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>